Notte 28 Giugno 2012

Regole del forum
Quest'area è accessibile ai visitatori per permettere ai nuovi utenti di assaporare il play by forum... una modalità di gioco interattiva e narrativa in cui ciascuno può dialogare con gli altri seguendo poche semplici regole, e descrivere le proprie azioni... costruendo quasi un racconto a più mani sul suo personaggio.

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 29/06/2012, 2:45

la mia voce è pacata e decisa... Ludovico ammiro la tua... voglia di renderti utile, ma non ti muoverai da qui se non sotto preciso ordine dei Vescovi.
Ogni altra tua libera iniziativa verrà valutata di conseguenza. Spero di essere stato abbastanza chiaro perché voglio parlare una sola volta.
Secondo, mi rattrista non poco che un Vero Sabbat, un Priest, possa aver detto un'eresia così grossa:
...la voce è orgogliosa ed il volume aumenta ad ogni parola... noi siamo i FRATELLI e loro sono i Cainiti. NOI siamo gli orgogliosi figli di Caino che rinnovano la loro fratellanza con la Vaulderie. LORO sono solo membri della stessa razza che sprecano la loro eternità a farsi le scarpe.
Quindi per cortesia adesso TACI fino a quando il nostro ospite non sarà congedato.
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ludovico » 29/06/2012, 3:37

Dopo questa totale e stupida mancanza di rispetto per me e tutto quello che ho fatto io mi congedo. Buon incontro con la Camarilla.

Ludovico risponde in tono calmo e composto e si incammina con calma dando un ultimo sguardo al Ravnos.
Ludovico
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 59
Iscritto il: 11/01/2012, 14:55

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Giacomo Belcorvo » 29/06/2012, 4:22

Con le cuffie a bassissimo volume nelle orecchie osservo e sento ogni parola che viene ritmata dal jazz nei miei auricolari.

Con gli ultimi interventi mi levo le cuffie e le ripongo, con un gesto veloce delle mani, nella mia borsa.

Arrivando verso Ludovico, togliendomi il cappello e tenendolo sulla mano, lo affianco con il mio bastone alzato con un gesto lento, levando poi il bastone, e con un gesto delle mani ed un sorriso guardo Ludovico e gli dico:
<<Orsù Ludovico, non c'è nessuna fretta. Non dovresti prendertela per queste cose. Rimani ancora un po', e vediamo chi potrà fare cosa.>>

Lo osservo con uno sguardo ed un sorriso mite, attendendo la sua risposta...
Immagine
Avatar utente
Giacomo Belcorvo
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 16/12/2011, 22:58
Località: Napoli, la città del gusto... bhè dipende...

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Silas » 29/06/2012, 13:20

Un rumore basso di sottofondo ha accompagnato tutta la discussione. Come un masticare, un ruminare. Come uno spolpare.
Dopo aver udito le parole di Ludovico che stava per abbandonare la scena e l'invito di Belcorvo a soprassedere, decido di essermi nutrito abbastanza. O almeno, a sufficienza qualora nel prossimo paio d'ore dovesse succedere qualcosa di interessante.
Da dietro una curva formata da carcasse e lamiere deformate, raggiungo a piedi lo spiazzo dove il resto della Spada di Caino si è radunata. Il passo è pesante, quasi strascicato. Compaio alla vista trascinando qualcosa con la mano destra. Dopo una rapida osservazione, è chiaro a tutti che si tratta del corpo di un giovane poliziotto, quasi un ragazzo, la cui cassa toracica è stata aperta a metà, lasciando le costole in evidenza.
Sporco di sangue, getto il cadavere al centro dello spiazzo: "Se qualcuno vuole favorire..."
Un largo ghigno coperto di sangue fresco mi si allarga sul volto, mentre guardo prima Ludovico, poi entrambi i Vescovi:
"Cos'è questo trambusto durante la mia cena?" dico con tono palesemente ironico, e quasi divertito, ai presenti:
"Cari Fratelli Cainiti, è chiaro che la Sete ci sta facendo perdere la calma. Indubbiamente, placarla con il sangue di un Anziano sarebbe un'ottima prospettiva...
La proposta dei Ravnos ha tutte le premesse di una trappola... se non fosse che sarebbe fin troppo palese e scontata. E allora, se non è una trappola, come i Vescovi hanno appena detto, si tratta di un'opportunità"
Mi rivolgo a Forte:
"Ora, Ferdinando, sono più che sicuro che un guerriero e uno stratega come te sappia quando è il momento di concentrarsi sulla pianificazione della caccia e quando invece ci si possa abbandonare a disquisizioni lessicali.
Inoltre, sono altrettanto sicuro che sia tu che Diamara intendeste in realtà lodare l'iniziativa del Sacerdote Ludovico, pur rimbrottandolo per la sua...celerità, nel mettersi in azione al servizio della Spada di Caino.
Sono più che certo, per entrambi voi Vescovi, che siete consapevoli di quanto sia fondamentale per il Sabbat avere occhi e orecchie che indaghino, vedano e avvisino. E senza dubbio ricorderete tutti il valore di Ludovico in quest'ambito. Un valore di cui, e sono certo che me ne darete conferma, la Spada di Caino, in questo momento, non può privarsi."
Mi rivolgo verso il Toreador:
"Quindi, Ludovico, mi accodo anche io all'invito che Belcorvo ti ha rivolto. Dopotutto, sono sicuro che, una volta che entrambi i Vescovi avranno saputo le informazioni apprese durante il mio scontro con lo Sceriffo, la Progenie di questo Patriarca, saranno anche loro più che d'accordo sull'opportunità che tu vada ad assicurare la sicurezza del luogo in cui si terrà questo incontro. Tanto più,..."
Mi calo nuovamente vicino al cadavere del poliziotto, infilo una mano nella cassa toracica, ne tiro fuori pezzi di carne da cui spremo le ultime goccie di sangue direttamente nella mia gola:
"...che io verrò con te".

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Vicente Cervantes » 29/06/2012, 14:06

Osservo la scena con calma, sta prendendo una strana piega, devo fare qualcosa penso....

Signori vi prego, come ho già detto non è questo il momento delle divisioni e delle differenze, la voglia di Ludovico è un rimarchevole esempio della sua intelligenza, il tempo è la chiave miei signori, e noi ne abbiamo perso già troppo....

Mi volto verso Silas, il suo viso sporco di sangue, un brivido mi corre lungo la schiena per la brutalità della cosa...

Silas buonasera, ovviamente l'invito è esteso anche a lei qualora volesse venire a controllare di persona, saremo felici di ospitarla, di modo che potrete finalmente convincere chi ancora non è convinto, dell'utilità di questo incontro, e ovviamente del fatto che non ci sarà nessuna trappola....Nessuno tende trappole a nessuno nel territorio dei Ravnos.

Ora signori, io vorrei avere una risposta dalla Spada di Caino, il tempo scorre e mi sembra chiaro a tutti che se come mi auguro la risposta sia positiva, è il caso che io vada a definire gli ultimi accorgimenti, ovviamente piacevolmente accompagnato da Ludovico e da Silas se a voi sta bene....
Vicente Cervantes
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 03/11/2011, 17:13

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 29/06/2012, 16:18

Il Ductus Silas consiglia una perlustrazione? Che perlustrazione sia.
Ma non voglio improvvisare, voglio che a occuparsene sia un professionista ... l'angelo di Caino. Israfil scegli, a tuo insindacabile giudizio, un'altra persona che possa accompagnarti e siate i nostri occhi e le nostre orecchie sul posto prima dell'incontro.
Un'ultima cosa Silas: i concetti fondamentali del Sabbat non sono "disquisizioni lessicali", si sono combattute guerre, sono morti fratelli per queste "disquisizioni" .... due veri Sabbat come voi dovrebbero saperlo meglio di altri e dare il buon esempio.
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ludovico » 29/06/2012, 16:42

Il Toreador ascolta le parole di Giacomo, di Silas e di Vicente in silenzio, fermo senza voltarsi.
Dopo le parole di Ferdinando scoppia in una sonora risata, ritrova il contegno e continuando a camminare prende parola.

Quando i deboli scoprono il potere sono sempre smaniosi di provarlo.
La storia ce lo insegna ma non siamo tutti abbastanza colti.
Marzio, ricorda le mie parole adesso più di prima.
TUTTO si è avverato.


Le ultime parole arrivano deboli accompagnate da un soffio di vento.
Ludovico
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 59
Iscritto il: 11/01/2012, 14:55

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Israfil » 29/06/2012, 17:24

Se ritenete sia necessario ADDIRITTURA il mio intervento, non avrò problemi ad entrare in azione.

Comparendo dalle ombre alle spalle del Vescovo Forte, entro nella luce.

La persona che voglio con me in questa perlustrazione è Damiano d'Acquaviva.

Chiudendo il discorso, passo ad un altro argomento.

Inoltre, l'anarchia deve terminare. Ludovico e Silas, voi obbedirete agli ordini emanati dai Vescovi. Potete concordare con loro i piani, ma non è più tempo che agiate di vostra spontanea iniziativa. Tanto meno nel mio branco sono disposto a tollerare tali mancanze. Io ricevo gli ordini dai Vescovi ed io comando il mio branco. Quindi, Ludovico, te ne andrai quando sarai stato congedato dai Vescovi e da me.

Detto questo, mi rivolgo nuovamente ai Vescovi.

Ho altri ordini o potete mettermi in contatto con il Sacerdote d'Acquaviva in modo da cominciare la missione?
Israfil
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 11/01/2012, 2:32

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Marzio Aguerra » 29/06/2012, 18:10

Ancora Marzio sembra freddo, distaccato.
Come se intorno a lui ci fosse il nulla, il vuoto cosmico.
Gli occhi sempre più febbrili, saettano sui volti dei presenti.
Marzio Aguerra
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 25/01/2012, 23:04

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Silas » 29/06/2012, 18:44

"Guerre combattute per questi precetti...? Si, le guerre..."
Lo sguardo si perde solo per un attimo per poi tornare a concentrarsi sul Vescovo Forte:
"Non vuoi improvvisare? Allora converrai sicuramente che proprio questo specifico compito richiede qualcuno con le capacità percettive di Ludovico. Se non sei stupido, terrai conto di quest'aspetto.
Ti invito inoltre a riflettere molto attentamente: la carica che vi è stata assegnata dal Priscus non è in discussione. Voi siete i Vescovi di Napoli.
Tuttavia, e te lo dico chiaramente, stai tirando troppo la corda.
Ludovico ha avuto un'iniziativa brillante e coerente con le sue capacità, avrebbe dovuto ricevere un elogio per essere il primo ad essersi offerto per un compito che potrebbe rivelarsi anche rischioso.
Il mio invito a non perdere tempo ora sulla distinzione tra Fratelli e Cainiti serviva a riportare l'attenzione sul succo della faccenda. E, di certo, non sarai tu, Vescovo o meno, a suggerire che esempio devo dare.
Impara" il tono di voce viene affiancato da un ringhio sommesso che parte dallo stomaco del Gangrel, evidentemente ancora troppo vuoto
"Che l'obbedienza agli ordini imposti si ottiene con la lealtà o con l'intimidazione. Direi di tralasciare quest'ultima, dato che sappiamo entrambi che non funzionerebbe, e ti consiglierei di prendere in considerazione il fatto che la prima si guadagna con la fiducia, e che questa la si ottiene dimostrandosi capaci, perfino saggi, nel proprio ruolo.
Come dicevo, la vostra carica non è in discussione, voi siete i Vescovi di Napoli. Ma Napoli non è l'unica città al mondo in cui valga la pena servire la Spada di Caino. Attenti, col vostro comportamento, a non privarvi delle risorse di cui sapete avere bisogno per vincere questa, di guerra"

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Vicente Cervantes » 29/06/2012, 21:14

Credo sia giunto il momento che io me ne vada signori, queste sono questioni interne al sabbat e qui sono fuori luogo. Inoltre ancora tanto deve essere preparato...
Aspetterò la vostra delegazione il giorno fissato per l'incontro...

Detto questo si avvicina a Ludovico e con la voce poco piu di un sussurro gli dice
Mi dispiace che sia andata cosi, sappi che potrai venire a farmi visita quando vuoi...la mia porta è sempre aperta per chi è gentile con il clan Ravnos...

Finito di parlare con il toreador si volta verso il nuovo apparso...
Messer Israfil se le compiace potete iniziare la vostra ispezione da subito, non vedo il signor D'Acquaviva, ma può sempre essere avvertito sulla strada per il locale...

Detto questo si volta e incomincia a percorrere la strada verso l'uscita a passi lenti e sicuri...
Vicente Cervantes
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 03/11/2011, 17:13

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 30/06/2012, 19:30

l'odore del sangue del pasto di Silas, la rabbia contenuta a stento, le zanne dei canini non sono sfoderate ma sono sempre più lunghe e sempre più difficili da contenere all'interno della bocca...
a quanto pare in questo Sabbat è tutto chiaro a tutti tranne che a voi, e la voce dell'Angelo di Caino ne è la più appagante conferma. Visto che per Ludovico siamo dei deboli...
Ludovico ha scritto:Quando i deboli scoprono il potere sono sempre smaniosi di provarlo. [...]

... mentre per Silas, con la mia cazziata, sto già tirando troppo la corda ...
Silas ha scritto:"[...] Tuttavia, e te lo dico chiaramente, stai tirando troppo la corda.

... il quale non pago di tutto questo ci lascia sottintendere una sua eventuale diserzione ...
Silas ha scritto:[...] Napoli non è l'unica città al mondo in cui valga la pena servire la Spada di Caino. [...]"

il tono cerca di essere conciliante ma la fame e la rabbia sono due cose difficili da contenere
Israfil spiega al tuo Priest ed al tuo collega Ductus cosa rischiano con queste affermazioni, ...e soprattutto eccoti i volontari per la ronda esterna durante l'incontro con la Camarilla.
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Silas » 30/06/2012, 22:55

"<<Israfil spiega al tuo Priest e al tuo collega Ductus cosa rischiano con queste affermazioni>>????? "
Il Gangrel prorompe in una breve risata stridula, fastidiosa, simile a quella che farebbe una iena
"Ti facevo di un'altra pasta, Ferdinando...", dico di rimando alle parole del Vescovo, anticipando un eventuale intervento verbale dell'Assamita:
"Certo, sarei effettivamente curioso di sapere cosa rischio se decido di andare a servire il Sabbat in un'altra parte del mondo, magari sotto un altro Vescovo.
Visto che parli a sproposito di diserzioni, cerco di chiarirti meglio il concetto.
Questa non è la Camarilla. Qui, non ci sono sudditi. Qui, non ci sono servi. Qui, non abbiamo regnanti. Abbiamo guide.
Sii una guida saggia, determinata sul campo di battaglia ma dotata della freddezza del cacciatore che sa individuare la sua preda.
Tratta coloro che decidono di seguirti con il dovuto rispetto. Tieni in considerazione le idee che portano, e anche quando le ritieni sciocchezze, non permetterti di sminuire l'impegno che hanno profuso nell'idearle.
Quando ti rivolgi a degli altri Veri Sabbat, quale suppongo che anche tu sia, ricordati il dovuto rispetto che anche tu pretendi, dato che questa è una carica che si guadagna, e che non viene assegnata.
Prendi coscienza di questi doveri che voi, Vescovi, avete nei confronti di coloro che decidono di seguirvi, e quando ti troverai nel cuore violento della lotta, nella vittoria e nella sconfitta, mi troverai sorridente di fianco a te, pronto ad accettare la distruzione, se serve per il Sabbat.
Dimenticati di tutto ciò, e io, semplicemente, andrò via: io servo solo il Sabbat, e non le smanie di potere, di chiunque queste siano.
Pensi sia una questione personale? O magari credi di sminuirmi, proponendomi per il controllo esterno durante l'incontro al Midnight?
Beh, al contrario, invece, mi sembra la prima cosa sensata che ti ho sentito dire, stanotte."

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 30/06/2012, 23:38

Ancora una volta Silas hai capito poco di quello che ho detto o, molto verosimilmente, non mi hai ascoltato.
Non sono uno stupido, non andrei in battaglia senza un braccio. Ho in estrema considerazione il tuo lavoro svolto fin qui, e nutro un altissimo rispetto... Ma con il Patriarca tra i piedi non si prendono libere iniziative solitarie, non si abbandona questo luogo da soli, non si fa di testa propria. Non perché siete sudditi ma perché dovete essere saggi e furbi.
E' questo il mio monito nei confronti di Ludovico, finché siamo qui siamo imbattibili, da soli siamo un ottimo bersaglio. Ma certe cose non dovrebbero essere spiegate, dovrebbero essere chiare nella mente di un guerriero della Jihad. Parlate di rispetto e fiducia, bene cominciate a dimostrare di averne, date quel rispetto e quella fiducia che pretendete di avere a chi ha l'onere e l'onore di guidarvi.
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Israfil » 01/07/2012, 3:18

Aggiungo alle parole del Vescovo, Silas, due cose: sei stato sconfitto nel rito della Monomachia contro Diamara, ed alle sue decisioni non potrai mai aggiungere nulla. La sua leadership è assoluta, SPECIALMENTE PER TE. Se hai qualcosa da controbattere al vescovo Forte, non perdere tempo e sfida anche la sua autorità. Qui non abbiamo servi, ma se non obbedisci all'ordine di un tuo superiore, questi ottiene come minimo il diritto di distruggerti seduta stante. Sorte idonea a chi diserta dal campo di battaglia.

Dopo essersi rivolto al Gangrel, mi rivolgo alle spalle del Ravnos

Vai, Zingaro. Io mi muovo quando mi aggrada e quando mi viene comandato.
Israfil
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 11/01/2012, 2:32

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Silas » 01/07/2012, 11:46

Fisso Israfil negli occhi:
"Il risultato della Monomachia è stato molto chiaro, e come ho ripetuto già varie volte, forse unico a farlo, Diamara e Ferdinando sono i Vescovi di Napoli. Ma rimanere a Napoli e seguirli o andarmene dalla loro città, è una decisione solo mia. Andare a servire il Sabbat in un altro contesto più idoneo alle mie caratteristiche non è una diserzione né un tradimento, è la scelta cui ciascun libero Cainita del Sabbat ha diritto. E, ad ogni modo, se chiunque qui volesse provare a distruggermi..."
Il mio sorriso si allarga e lo sguardo compie un breve giro dei presenti, tornando poi sull'Assamita:
"...beh, non mi sembra di essermi mai sottratto ad uno scontro. Certe minacce, caro Israfil, bisogna avere la capacità di portarle a termine".
Torno a rivolgermi direttamente a Ferdinando:
"Capisco il senso del tuo monito, concordo sulla necessità di difenderci l'un l'altro e di essere pronti a tutto. Ma allora vorrei porti una domanda: se ritieni che io e Ludovico siamo i soggetti più indicati per il controllo esterno del Midnight durante l'incontro (e per quanto riguarda me, come già detto, concordo sulla scelta), non ti sembra che a maggior ragione l'iniziativa di Ludovico, di andare a controllare il locale, così come il mio accodarmi alla sua iniziativa, con il proposito di controllare preventivamente il territorio anche dall'alto, fossero la cosa più razionale da fare? Non dico che la presenza anche di Israfil sia inutile, anzi, ma se a me tocca il compito di avvisarvi qualora qualche elemento esterno facesse pensare nuovamente ad una trappola per le teste di entrambe le sette, non sarebbe opportuno prendere consapevolezza del terreno da difendere, prima di trovarci impreparati?
E' proprio di questo che parlo, quando chiedo scelte sensate e non dimostrazioni di autorità. E continuo a ripeterlo: proprio in virtù di questo, Ludovico avrebbe dovuto essere elogiato per la sua iniziativa, al limite affermando la necessità che non andasse solo, proprio per la sua sicurezza. Assumete standard del genere, per le vostre decisioni. Quando non capiamo le vostre scelte, motivatele illustrandoci i vostri, di piani. E' il minimo che pretendo dai Vescovi che decido di seguire, insieme al rispetto dovuto a tutti quelli che costituiscono la base su cui poggia la vostra autorità in città. Se queste condizioni venissero meno, così anche la mia voglia di seguire le guide designate. Non sono servo di nessuno, se non del Sabbat, e niente potrà cambiare questa mia prospettiva".
La postura del Gangrel si rilassa:
"Per quanto riguarda il Patriarca, ho qualche novità. Come vi anticipai, sono andato a cercare Samuele nel luogo da lui indicatomi, il vecchio deposito. Sono stato particolarmente fortunato in quanto, appena giunto sul luogo, mi sono reso conto che qualcuno si nascondeva nelle ombre. Convinto che fosse Samuele, ho cominciato ad incalzarlo, ma con mia grande sorpresa è apparso invece Andrea, lo Sceriffo della Camarilla, la Progenie del Patriarca. Stavo per attaccarlo quando lui mi ha rivelato che pure cercava il suo Sire e, a quanto mi è parso di capire, non con intenti esattamente pacifici. Conoscendo la natura sfuggente di quelli del suo Sangue, l'ho fatto parlare, approfittando per avvicinarmi sempre di più. Ha detto che il Patriarca si rifugia <<qui sotto>>, guardando verso il basso. Credo alludesse ai sotterranei di Napoli. Anche lui, a quanto pare, cercava Samuele, per fargli delle domande su qualcosa che gli aveva rivelato. Avendolo ormai in pugno, l'ho afferrato per impedirgli di scappare. Gli ho intimato di dirmi dove si trovava il suo Sire, o il Principe, o in alternativa di portarmi al suo rifugio, dove lo avremmo atteso. Ero intenzionato ad utilizzare quel molle Nosferatu per carpire alrti molli Camarillici. Al che il Ratto ha tirato fuori un telefonino, ha detto che aveva messo cariche esplosive dappertutto e che era pronto a farle saltare, pur di eliminarmi. Lusingato dalla cosa, e chiedendomi se effettivamente sarebbe bastato a distruggermi, mi sono distratto per un attimo, in cui lui ha provato ad impalettarmi. Grave errore. L'ho colpito con i miei artigli, e credo di avergli lasciato anche un bel ricordo, ma lui è riuscito a divincolarsi e a sparire. Sono convinto che anche tutta la Torre d'Avorio sia sulle tracce del Patriarca. Da quanto mi sembra di poter supporre, Malebolge, tramite la sua Progenie Samuele, ha indicato sia a noi che alla Camarilla il Patriarca come bersaglio. Sinceramente, non so come spiegarmi questa circostanza".
Lo sguardo, colto da un pensiero divertente, si rivolge per un attimo a Marzio:
"Ah, a proposito, ha detto che ti saluta e spera di reincontrarti presto".

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Vicente Cervantes » 01/07/2012, 13:01

Benissimo Messer Israfil, la sua setta sa come contattarmi nel caso, ma dubito che uno come lei ne abbia bisogno....

mi volto verso il sabbat riunito e con un leggero inchino...

Vescovi, Signori, io mi congedo...grazie per aver ascoltato le mie parole e per aver acconsentito a questo incontro, felice notte....

e si avvia verso l'uscità dello scasso...

una volta uscito si avvicina alla macchina e prende il telefono...
Vicente Cervantes
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 03/11/2011, 17:13

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Narratore » 01/07/2012, 13:37

Il Toreador ed il Ravnos lasciano lo scasso mentre si consuma il violento caucus, dove gli affamati cainiti della Spada cercano di rimanere uniti per la sopravvivenza della specie.

Il gioco continua
Avatar utente
Narratore
Narratore
Narratore
 
Messaggi: 1719
Iscritto il: 09/08/2010, 12:13
Località: Napoli

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Israfil » 01/07/2012, 13:54

Credi io abbia problemi a portare avanti certe minacce? anzi, affermi io non ne abbia le capacità? Bene, io mai ho tollerato di essere insultato e non comincerò ora: Silas, considerati sfidato col sacro rito della Monomachia. A te la scelta delle dinamiche dello scontro.

Guardo per un istante i vescovi, ai quali rivolgo l'aggiunta del discorso.

In base alle dette dinamiche, io deciderò quando e dove effettuare lo scontro, considerato anche che Ludovico stesso, avendo disobbedito al mio ordine andrà punito forse definitivamente, poi valuterò.
Israfil
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 11/01/2012, 2:32

Re: Notte 28 Giugno 2012

Messaggioda Silas » 01/07/2012, 16:31

Per la prima volta, il ghigno che deturpa il volto del Gangrel risulta del tutto discordante con i sentimenti che vi si leggono: delusione, tristezza, che caratterizzano anche il tono, come di sconfitta, con cui si rivolge all'Assamita:
"Tra tutti, Israfil, proprio tu mi minacci di distruzione qualora io decida di esercitare una mia libera scelta?
Tra tutti, proprio tu ti aspetti che io non reagisca, e proprio tu mi sfidi?
Hai così tanta voglia di porre fine alle mie notti? Molto bene, non sarò io a privarti dell'opportunità di provarci. Chiedo dunque che la lotta si concluda con il torpore o la distruzione di uno di noi due, come più aggrada al vincitore.
Chiedo questa possibilità di scelta perchè, e lo dico con la stessa chiarezza con cui ho parlato fin'ora, io non ho il cuore di distruggerti. Al contrario di te, le esperienze che ci hanno affiancato vanno bel al di la della mia sete di sangue.
Sappi, inoltre, che non mi aspetto lo stesso trattamento da parte tua. E sappi che non ti converrebbe decidere di avere pietà nei miei confronti, perchè a prescindere da come vadano le cose, qualunque legame ci fosse tra noi due ha termine stanotte. Che le armi siano quelle a noi più care, lame o quello che preferisci per te, artigli per me. Ora sta a te dirmi dove e quando. Confido che, come io ho rispettato la tua volontà di distruzione, tu mostrerai la stessa cortesia non facendomi attendere".
Rivolgo lo sguardo al terreno, evidentemente in preda ad un lacerante conflitto interiore. Quindi, con tono più deciso, mi rivolgo a Ferdinando:
"Gradirei comunque una risposta alle mie domande. Perché, se avete intenzione di affidare a me e a Ludovico, del cui allontanamento evidentemente non vi interessa, il controllo esterno del Midnight, noi due non avremmo dovuto perlustrare in anticipo il luogo, tanto più che avevamo l'invito dei padroni di casa? Qual è la ragione dietro ad un'imposizione del genere, fatta trattandoci senza il minimo rispetto dovuto, quando tutto ciò che ci interessava era la sicurezza della Spada di Caino e il compito era sicuramente coerente con le nostre capacità?".

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

PrecedenteProssimo

Torna a Vecchio scasso di via De Roberto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite