Notte 29 Gennaio 2012

Regole del forum
Quest'area è accessibile ai visitatori per permettere ai nuovi utenti di assaporare il play by forum... una modalità di gioco interattiva e narrativa in cui ciascuno può dialogare con gli altri seguendo poche semplici regole, e descrivere le proprie azioni... costruendo quasi un racconto a più mani sul suo personaggio.

Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Narratore » 26/01/2012, 17:04

Un gelido vento invernale si insinua fischiando tra i rottami all'ombra della superstrada 162 animando i tessuti squarciati delle macchine, penzolanti dagli scheletri martoriati di una decadente società industriale; come solenni bandiere di orgogliosa rovina si gonfiano al passaggio del nuovo Vescovo di Napoli, che, misurando felpati passi, si appropria del simbolo di un potere tutt'altro che svanito.
Avatar utente
Narratore
Narratore
Narratore
 
Messaggi: 1719
Iscritto il: 09/08/2010, 12:13
Località: Napoli

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Diamara Hedjet » 15/02/2012, 16:41

Mi avvicino ai rottami sfatti con passo lento, misurato, osservando con una lieve nota di cinismo, che si dipinge sulla mia bocca, ciò che resta del posto mentre lascio che un grosso sacco di juta cada sul selciato polveroso.
Sciocchi costrutti della tecnologia umana... così brutti appaiono agli occhi di colui che è antico.

Stanotte non sono sola, se così si può dire, quando si è accompagnati da un gruppo di vacche spaurite, plagiate dal terrore e dall'attrazione verso il pericolo. E' stato facile, fin troppo facile catturarli, esseri restii e cedevoli più per noia di vivere che per altro. Anche la caccia non mi da più lo stesso brivido di una volta.

Altre necessità incombono sui seguaci della Spada, ma i vecchi riti non sono stati dimenticati, essi sono la base, il cuore pulsante della Setta stessa.
Gli occhi vitrei degli umani presenti mi osservano, mentre a passo deciso mi avvicino a loro. Il mio sguardo muta all'avanzare della bestia che lentamente si riappropria del mio essere, così come dev'essere. Le loro grida irrompono nel silenzio dello scasso, la vera paura della morte si fa spazio portando via definitivamente i loro dubbi sulla propria sorte, ma non è tempo ancora per loro di divenire nutrimento.

Questa è una notte speciale, in cui un Banchetto di Sangue aprirà con la giusta importanza gli Auctoritas Ritae della Setta intera.
Con fermezza e piacere accerchio le vacche impaurite, uno ad uno con velocità, vengono afferrati ed immobilizzati, appesi per i piedi ai vecchi piloni di cemento grezzo dello scasso.

Normalmente avrei messo fine alle loro grida portandoli ad una morte rapida. Ma non è questa la notte per mostrare pietà. Il fruscio delle vesti accompagna i miei passi assieme al tintinnare dei monili sacri che adornano il mio corpo. Prendo posto su un cumulo di rottami facendone il mio seggio in attesa dei miei fratelli.
Ultima modifica di Diamara Hedjet il 15/02/2012, 18:08, modificato 2 volte in totale.
Immagine
Avatar utente
Diamara Hedjet
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2011, 21:51
Località: Napoli +In The Heart of Nothing+

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Israfil » 15/02/2012, 17:37

Le grida dei mortali sono il segnale di chiamata per il Branco. Ci muoviamo insieme come sempre, come un unico essere.
Giunti all'ingresso dello scasso, mi guardo intorno per qualche istante, mi accerto che sia tutto "pulito", libero di minacce

[Sensi Acuti, sempre attivi]

Riprendiamo a camminare guidati dalle grida e dall'odore dei mortali.

Questa sera finalmente il Vescovo effettuerà i primi riti ufficiali. Ricordate cosa vi ho detto.

Il timbro con il quale le parole sono espresse è quello di sempre, forse leggermente più calmo. Giunti in prossimità del Vescovo, piego una gamba poggiando il rispettivo avambraccio sulla stessa, rendendo omaggio alla Gangrel con un inchino.

Vescovo...

Le parole restano come un saluto sospeso. Non mi rialzo, attendendo che anche i miei facciano lo stesso gesto...
Israfil
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 11/01/2012, 2:32

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Marzio Aguerra » 15/02/2012, 17:41

MArzio segue gli altri come sempre, si guarda intorno, scruta gli angoli ciechi, valuta l'ambiente con la sua esperienza.

Certo Ductus, scritto a fuoco nella mente!

Sorride, poi torna serio mentre si avvicina al trono improvvisato, imita le movenze di Israfil nel suo inchino.
Marzio Aguerra
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 25/01/2012, 23:04

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Calypso » 15/02/2012, 19:11

La paura dei mortali stranazzanti sono un succulento richiamo per i miei sensi, ma il forte desiderio di sangue fresco viene presto sfumato da alcune voci in lontananza. Intorno a me scheletri di macchine abbandonate e puzza di pneumatici bruciati un pò ovunque. Scavalco atleticamente un cumulo di rottami per avere una visuale migliore, con una rotatoria ampia della gamba sinistra e un balzo, atterro furtivamente tra due blocchi d'acciaio circondati da lamiere penzolanti. Il sipario che mi si schiude davanti è alquanto inaspettato, resto a gustarmi la redenzione, nascosta , in silenzio e col sorriso beffardo...aspettando il momento propizio per la mia entrata in scena...
" S'intrappola negli angoli, ma a sua volta è una trappola per gli altri..."
Avatar utente
Calypso
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 19/01/2012, 22:20

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Valeria » 15/02/2012, 19:43

Le ombre gettate dal catasto ferroso sembrano improvvisamente coagularsi, contorcersi come una massa viva, rompersi come il guscio di un uovo malefico per lasciar emergere la minuta figura di una donna. Le sue scarpe eleganti ticchettano leggermente contro i rottami, i suoi abiti e il suo contegno, altrettanto raffinati, sembrano del tutto stonati nell'insieme, eppure lei sorride come fosse perfettamente a suo agio, assolutamente al suo posto... un sorriso indecifrabile, forse beffardo, forse compiaciuto.Il caschetto nero ondeggia leggermente quando si inchina al Vescovo, ignorando apparentemente tutti gli altri.
Valeria
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 05/02/2012, 16:11

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Silas » 15/02/2012, 20:06

Il cappuccio calato a coprire completamente la faccia, è possibile cogliere solo il rosso degli occhi.
Le parole di Israfil me lo rendono divertente come sempre. Dopo che le ha pronunciate aspetto un poco, in modo che sia quasi davanti al Vescovo e non abbia il tempo di rispondermi, quindi sussurro in modo quasi impercettibile, conscio che lui mi sentirà:
"Ricordate cosa vi ho detto??? Non so di cosa parli..."
Giunto davanti a Diamara, rimango per un secondo a guardare i miei compagni prostrarsi, quindi rivolgo l'attenzione a lei, le faccio un ampio ghigno da sotto il cappuccio e, senza smettere mai di fissarla, portando il braccio destro in avanti mi piego nella parodia di un profondo inchino cavalleresco
"Vescovo..."

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Diamara Hedjet » 20/02/2012, 1:18

Guardo il corpo agile e femminile di Valeria appena sgusciato dall'oscurità tangibile flettersi in un elegante inchino a cui rispondo con un'occhiata veloce ma eloquente, non servono parole, ma una più alta intesa istintiva a questa Setta.

Osservo gli altri Fratelli avvicinarsi, le loro sagome si stagliano nel buio mentre le grida delle vacche riecheggiano infrangendosi sui rottami dello scasso. Uno ad uno si chinano in un gesto che appare più che meccanico ai miei occhi che vitrei li seguono mentre un sentore felino percorre la mia schiena.

Gli occhi di Silas, riflettono il colore dei miei, ma le mie labbra non rispecchiano la curva del suo ghigno beffardo.
Il mio volto è pervaso da un lieve fremito, il corpo spasima contraendo i muscoli, i fasci di nervi che si tendono a fior di pelle. Un basso verso felino gorgheggia fra le mie labbra socchiuse ed inespressive.

<<Comportarti nel modo che si addice al tuo rango, Paladino della Setta. E' un momento nefasto questo per dipingerti quel sorriso sulle labbra. Stai offendendo l'Onore dei tuoi Fratelli. I Veri Sabbat dovrebbero combattere e morire per qualcuno che non rida delle loro azioni e delle loro idee.
Non è davanti a me che dovresti inginocchiarti, ma davanti a quello che rappresento, davanti alla Bestia e alla Spada che ti hanno accolto, che ti guidano e che tu puoi illuminare divenendo sempre migliore di quello che oggi tu mostri .
>> la convinzione nella mia voce è profonda, viscerale, ferale.
Immagine
Avatar utente
Diamara Hedjet
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2011, 21:51
Località: Napoli +In The Heart of Nothing+

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Silas » 20/02/2012, 12:52

Le parole di Diamara riguardo i caduti del Sabbat riportano a galla diversi ricordi nella mia testa. Alcuni recenti, come il corpo di Ludovico in torpore, altri più antichi.
Non posso fare a meno di trovarci una logica, un senso. A dire il vero anche più d'uno. La mia espressione diventa seria (il ghigno tuttavia non scompare del tutto nella posizione degli zigomi - tratto della bestia, iena - dando un risultato abbastanza grottesco).
Come gli altri due membri del mio branco, pongo un ginocchio piegato in avanti e mi ci appoggio, inchinandomi.
Nel fare questo non distolgo mai lo sguardo da Diamara, cui ora mi rivolgo con tono quasi contrito, mentre un ringhio sommesso fa da sfondo alle mie parole, uscendo dalla cassa toracica:
"Non posso che darti ragione...tutti noi... potremmo di sicuro mostarci migliori di quanto abbiamo fatto in queste notti..." .

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Marzio Aguerra » 27/02/2012, 9:28

Marzio ha mostrato pazienza, educazione, rispetto... Rivolge poche parole, sembra verso Israfil:

Non mettiamoci troppo, abbiamo cosa veramente importanti...

Poi si rialza, con passo lento e misurato volta le spalle a tutti e si allontana, in una posizione difendibile e nascosta, da dove può osserva e sentir tutto.
Marzio Aguerra
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 25/01/2012, 23:04

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 14/03/2012, 11:53

Avanzare tra i rottami dello scasso rende tutto molto appropriato: attentati, distruzione, morte.
mi muovo senza fare particolare attenzione al rumore, non è mia intenzione arrivare di soppiatto. Superando gli ultimi rottami mi rivolgo al mio Priest a cui apro la strada ... Damiano cosa pensi accadrà stanotte?
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Damiano d'Acquaviva » 14/03/2012, 12:01

"Di certo mi aspetto un innumerevole numero di sorprese, come ce ne sono state d'altronde in questi tempi. Di certo in tutto quello che facciamo il codice e la parola del signore oscuro ci guideranno" Dice a Forte, camminando anch'egli tra i rottami con il suo breviario in mano.
Immagine
Avatar utente
Damiano d'Acquaviva
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 20/12/2011, 19:15
Località: Maddalena's Beach (na)

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Ferdinando Forte » 14/03/2012, 12:36

Arrivati dinnanzi a tutti non saluto nessuno ad esclusione di Diamara seduto sul suo scranno.
Procedo a passo deciso fino ad arrivare a due metri da Vescovo, ritto in una postura che ricorderebbe l'Attenti militare, chino la testa ... Vescovo... e attendo
Immagine
La boxe è un simbolo, ma il pugno è la cosa più concreta che esista.Vinicio Capossela
Avatar utente
Ferdinando Forte
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 16/12/2011, 12:15

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Damiano d'Acquaviva » 14/03/2012, 13:24

Seguendo il Brujah mi avvio verso il vescovo e facendo un inchino col capo dico"Buona sera Vescovo, sta preparando la sua anima a recepire al meglio il significato intrinseco della "Festività" che è ormai agli sgoccioli... Poi comunque dopo le varie vicissitudini del nostro ultimo incontro non è riuscita a compiere tutti gli Auctoritas ritae consono alla nuova salita al potere della sua autorità, quando procederemo? Che l'oscuro signore sia con lei.
Immagine
Avatar utente
Damiano d'Acquaviva
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 20/12/2011, 19:15
Località: Maddalena's Beach (na)

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Diamara Hedjet » 14/03/2012, 16:55

http://www.youtube.com/watch?v=Gev9QoqEb38&list=PL99552D5F437AA870&index=76&feature=plpp_video

I miei occhi si posano sui nuovi giunti, un lieve fremito felino percorre il mio braccio che si alza in un gesto di benvenuto in risposta agli ossequi da loro ricevuti.
Le parole di Damiano mi riportano a concentrarmi su ciò che ognuno di noi dovrebbe tenere in maggiore considerazione per l'unità della Setta.

<<Dici bene, Damiano, altre parole non servono in questo momento, e tu hai ovviamente intuito il motivo per cui tutti noi stanotte dovremmo essere qui presenti.>>

Con un sorriso che dura un istante scopro i bianchi canini, simbolo indiscusso della nostra vera natura.

<<Ho intenzione di procedere ai Ritae a breve, così da rinsaldare i nostri Spiriti ed unirli in un unico corpo ed un'unica mente, così come ci desidera il nostro unico Padre.
Confido fermamente nel fatto che tu in quanto Sacerdote e Ferdinando in veste di Ductus, abbiate istruito a dovere il vostro Branco alle Sacre Tradizioni. Mi aspetto la loro presenza, così com'è stato per la vostra, stanotte.
>> Ravvio i capelli che cadono ribelli sulle spalle, scoprendo la pelle bianca. Non un singolo elemento tradirebbe la presenza della Bestia, eppure ella freme respirando l'odore del terrore delle vacche che ci osservano gridando pietà.

<<Attenderemo l'arrivo dei nostri Fratelli e poi daremo inizio alla Festività. Metteremo a nudo la Bestia, rendendo così onore a Caino, partecipando ai grandi Ritae che i Sacerdoti tramandano affinché la Setta sia sempre più forte.
Stanotte ricorderemo cosa voglia dire essere un Vero Sabbat e leveremo il ruggito della Bestia alla volta Oscura.
>> le mie parole sono proferite con tono profondo, incitate dalla forza del Sangue che mi scalpita nelle vene.
Immagine
Avatar utente
Diamara Hedjet
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2011, 21:51
Località: Napoli +In The Heart of Nothing+

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Narratore » 14/03/2012, 19:20

Alla spicciolata tutti i fratelli della Spada giungono allo scasso, tra essi i volti noti si mescolano a quel restante popolo sabbatico che vive ai margini della società, vampiri che per scelta o circostanze non sono uniti in branchi stabili o appartengono a branchi nomadi. Tutti sono quì per un unico motivo: onorare la Setta ed ascoltare le parole della sua nuova guida. Le voci circa gli ultimi eventi hanno già iniziato a circolare e negli occhi di ogni presente è impressa la confusione del momento, unita al desiderio di battaglia e vendetta...

[Alla riunione partecipano tutti i giocatori sabbatici, anche coloro che non postano solitamente, ciò verrà tradotto con implicito assenso ad ogni iniziativa dei rispettivi capibranco]
Avatar utente
Narratore
Narratore
Narratore
 
Messaggi: 1719
Iscritto il: 09/08/2010, 12:13
Località: Napoli

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Diamara Hedjet » 19/03/2012, 17:06

<<Damiano, proferisci le parole del Padre Oscuro, unisciti a me nell'ufficio del Bagno di Sangue!>>
Mi alzo lentamente, guardando i miei Fratelli negli occhi, uno ad uno fisso il mio sguardo nel loro, respirando le loro sensazioni, sentendole sulla mia pelle.

Con passi veloci copro la distanza che mi separa da un ammasso di vecchi rottami, avvicinandomi ai cumuli di macerie industriali, trascino con forza una vecchia vasca industriale al centro dell'adunanza, lasciando i solchi nella terra battuta.
Un tonfo sordo, la polvere si solleva, la vasca è al suo posto nello sfacelo decadente di questo luogo.

Immagine
Immagine
Avatar utente
Diamara Hedjet
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2011, 21:51
Località: Napoli +In The Heart of Nothing+

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Damiano d'Acquaviva » 19/03/2012, 19:43

Damiano si avvicina alla vasca apre il suo breviario e dice:"Fratelli leggero ora, come ebbe inizio la storia del nostro padre oscuro, la nostra storia. Per commemorare l'inizio di questo nuovo capitolo della nostra setta guidata da Diamara nostro nuovo vescovo.
"Dal Libro di Nod capitolo I
Sogno la Prima volta il ricordo più lungo. parlo della Prima Volta, del più antico Padre. Canto della prima volta
e dell’alba dell’Oscurità.
A Nod, dove la Luce del Paradiso illuminava il cielo notturno
e le lacrime dei nostri genitori
bagnavano il suolo.
Ciascuno di noi, nel nostro modo, si preparava a vivere
e trarre sostentamento dalla terra.
E io, Caino il primogenito, io, con oggetti aguzzi
piantavo i semi oscuri
li bagnavo nella terra
li accudivo, li osservavo crescere.
Ed Abele, il secondogenito Abele, accudiva gli animali
aiutava le loro sanguinose nascite
li nutriva, li osservava crescere.
Lo amavo, mio fratello era il più intelligente
il più dolce
il più forte
era la miglior parte
di tutta la mia gioia.
Poi un giorno
nostro Padre8 ci disse, Caino, Abele,
dovete offrire un sacrificio all’Altissimo
un dono della miglior parte di tutto ciò che amate.
Ed io, Caino il primogenito, io raccolsi i teneri germogli
i frutti più belli
l’erba più dolce.
Ed Abele, il secondogenito Abele, uccise il più giovane,
il più forte,
il più dolce dei suoi animali.
Sull’altare del Padre disponemmo il sacrificio e sotto di esso il fuoco
e guardammo il fumo portarlo
lassù fino all’Altissimo.
Il sacrificio di Abele, secondogenito, fu per l’Altissimo una dolce offerta ed Abele fu benedetto.
Ed io, Caino il primogenito, io, fui colpito di lassù da
una parola dura e una maledizione, perché la mia offerta non era degna.
Guardai il volto di Abele, ancora fumante, la carne, il sangue.
Piansi, mi coprii gli occhi,
pregai giorno e notte
E quando
il Padre disse che il tempo per il Sacrificio
era di nuovo giunto
E Abele
condusse il suo più giovane, dolce, più amato
al fuoco sacrificale.
Io non portai i miei più giovani, più dolci,
perché sapevo che l’Altissimo non li avrebbe voluti.
E mio fratello,
l’amato Abele mi disse
“Caino, non hai portato un sacrificio,
un dono della miglior parte della tua gioia, da ardere sull’altare dell’Altissimo”.
Piansi lacrime d’amore mentre, con oggetti aguzzi,
sacrificavo ciò che era
la miglior parte della mia gioia,
mio fratello.
E il sangue di Abele coprì l’Altare
e odorava di buono
mentre bruciava.
Ma mio Padre disse
“Sii maledetto, Caino,
che hai ucciso tuo fratello, come io fui cacciato
così sarai tu.”
E mi esiliò a vagare nell’oscurità, per la terra di Nod.
Fuggii nelle Tenebre
non vedevo sorgente di luce alcuna ed ebbi paura.
E fui solo."

Poi alzando gli occhi da breviario esclama
"Noi però ora non siamo soli ne lo saremo mai... Noi ora diventeremo una sola cosa, ognuno di noi sarà un tutt'uno con gli altri fratelli... Ricordiamoci che non siamo una mandria di vampiri smidollati noi siamo il Sabbat"
poi rivolgendosi a Diamara con voce bassa dice:
"Vescovo se vogliamo dare inizio al ritae"
Immagine
Avatar utente
Damiano d'Acquaviva
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 20/12/2011, 19:15
Località: Maddalena's Beach (na)

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Silas » 20/03/2012, 17:46

Quasi non ascolto le parole di Damiano che comincia ad officiare il rito, l'attenzione completamente rivolta alle vacche intrappolate e terrorizzate.
Penso a quanto sarebbe divertente ora liberarle, lasciargli un margine di vantaggio e poi inseguirle nella notte. Mi avvicino con fare discreto a loro, un ghigno che involontariamente si allarga nuovamente sul volto.
La conclusione del discorso di Damiano però mi riporta alla situazione presente. Devo pensare a quello che ha detto il Ductus. Mi fermo, ai margini della scena. Riacquisto un atteggiamente quanto più composto possibile, cercando di riassumere un'espressione, se non seria, quantomeno fredda. Verrà il momento per la caccia.

M. Silas
Silas
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 28/01/2012, 14:14

Re: Notte 29 Gennaio 2012

Messaggioda Diamara Hedjet » 20/03/2012, 17:48

http://www.youtube.com/watch?v=_8Ee2TGRxuQ&list=PL99552D5F437AA870&index=33&feature=plpp_video

Mentre Damiano proferisce le sacre parole, con passo veloce mi dirigo verso le vacche. Con un'artigliata ne libero una facendola cadere a terra con un tonfo sordo. La voce del Fratello rimbomba nel vuoto. Gli occhi dell'umano si dilatano nel terrore.

<<La Morte viene a farvi visita.>> sussurro con un ghigno che sfiora le mie labbra.
Li libero uno ad uno, cominciano a correre impauriti e frenetici, il gelo del delirio li rende ancora più appetibili. Grottescamente tentano la fuga, ma uno ad uno cadono sotto la forza della mia presa possente.

Il loro cuore batte impazzito, lo sento sotto le mie mani che stringono le loro membra gelate dalla paura. <<Non per grazia dell'Altissimo ma per la mia, Io vivrò con orgoglio...>> con la pressione della mia forza, il loro corpo cede al buio della morte, i miei Canini affondano nelle loro carni, così come i miei artigli, facendo così fluire il loro sangue nella grande vasca. <<...Non dal perdono di Abele, ma dal mio, sarò perdonato...>> I loro involucri vuoti scivolano esanimi tra le mie braccia, le grida dei restanti invocano pietà, ma sono solo carezze soavi alle mie orecchie.
<<...E ad Uriel dalle nere ali dissi: Non per la pietà di Dio, ma per la mia vivrò. Sono ciò che sono, feci ciò che feci, e quello non cambierà mai!>> le mie parole riecheggiano nella notte esortando i Fratelli presenti a sentire la vera Bestia attraverso le Sacre Parole.
Mi avvicino al sacco di juta che avevo portato con me, ne estraggo un calice di fine fattura, con rilievi antichi, appartenenti ad un mondo ormai passato. La dea Sekhmet dalla testa leonina campeggia fra i rilievi che adornano la coppa d'oro sporca di terra e sangue rappreso.

Porto in alto il calice mostrandolo ai presenti. Poi per prima mordo il mio polso versando il mio sangue nel recipiente, lo passo a Damiano che lo passerà a sua volta in senso orario agli altri Fratelli che verseranno la propria Vitae nel calice.
Quando l'ultimo dei Fratelli avrà unito il suo Sangue a quello degli altri, allora il circolo si ripeterà ed ognuno sarà finalmente unito all'altro.

<<E con ciò l'Oscurità fu sollevata come un velo e l'unica luce furono gli occhi splendenti di Lilith. Guardandomi attorno seppi che ero stato Risvegliato!>> la mia voce pronuncia tonante le parole del libro di Nod.
<<Trova un posto che sia tuo, e i mortali che dimorano lì, lasciali essere il tuo ovile, lasciali essere il tuo calice, lasciali essere il tuo pane santo.>> sorrido alle parole dell'Oscuro Padre mentre i miei occhi si posano sui corpi inermi delle vacche.
<<E nel Legame di Sangue, sappi che non c'è Legame più Forte di quello che Caino ha con i suoi Figli.>> osservo i miei Fratelli bere uno ad uno dal calice, poi mi preparo ad immergermi nella vasca colma di sangue ancora caldo.
<<E attraverso di ME, tutti i vincoli sono rotti, tutte le catene spezzate. Ascoltate Figli miei, camminerete sulla Terra, vagherete lontano e porterete queste Parole. Non mostrate mai debolezza. Ascolterete la mia voce nelle vostre orecchie come il lontano lamento di un volatile o come il Ruggito del Leone e allora saprete cosa fare!>>

Lentamente entro nella vasca lasciando che il sangue avvolga il mio corpo.
<<Sebbene Maledetti, siamo i signori della Terra. E tutto crolla all'incedere del nostro Potere!>> con queste ultime parole mi immergo completamente nella vasca, lasciando a Damiano la libertà di continuare a celebrare il Rito.
Immagine
Avatar utente
Diamara Hedjet
14° generazione da forum
14° generazione da forum
 
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2011, 21:51
Località: Napoli +In The Heart of Nothing+

Prossimo

Torna a Vecchio scasso di via De Roberto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite